ottobre 25, 2018

MICHELIN Meteo Solutions - Per ogni condizione, per ogni automobilista dal primo all’ultimo chilometro

Michelin considera la sicurezza l’esigenza primaria degli automobilisti e il requisito indispensabile nello sviluppo di ogni pneumatico, che è l’unico punto di contatto del veicolo con la strada. La sicurezza è una vera e propria prestazione, particolarmente complessa da ottenere in inverno, stagione durante la quale le condizioni climatiche possono essere molto diverse.

Sulla base dello studio CENSIS-MICHELIN, si evince che negli ultimi anni gli automobilisti hanno preso coscienza dell’importanza dei pneumatici per la sicurezza.

Per rispondere alle loro aspettative, Michelin ha strutturato l’offerta invernale in due categorie distinte.

  1. Gamma MICHELIN CrossClimate, la soluzione, semplice ed economica per la maggior parte degli automobilisti, che tendono a usare i pneumatici estivi tutto l’anno. La gamma MICHELIN CrossClimate permette all’automobilista, con un solo treno di pneumatici, di non preoccuparsi delle variazioni meteorologiche per tutto l’anno.
  2. Gamma MICHELIN Alpin, per chi viaggia spesso in condizioni invernali severe e richiede pneumatici specifici.

Per orientare la scelta del consumatore nell’acquisto del pneumatico più adatto alle sue esigenze nel periodo invernale è necessario porsi due domande:

1. Con che frequenza si incontrano condizioni di guida invernali ?

  • Nevicate occasionali e/o condizioni meteo impreviste  Gamma CrossClimate
  • Condizioni invernali frequenti                                    Gamma Alpin

2. Che tipo di veicolo si possiede?


MICHELIN ALPIN6

Alte prestazioni in condizioni invernali estreme, per tutta la vita del pneumatico

Il nuovo MICHELIN Alpin6 offre prestazioni eccellenti in trazione, accelerazione e frenata su neve per tutto l’arco della sua vita, e una durata superiore in media del 20% rispetto ai concorrenti premium (vedi note).

Nonostante l’aumento delle vendite dei pneumatici All Season, il mercato europeo dei pneumatici invernali rappresenta circa un terzo delle vendite dei pneumatici premium in Europa. MICHELIN Alpin6 è il pneumatico per gli automobilisti esigenti che viaggiano in qualsiasi condizione meteorologica e stradale e affrontano spesso nevicate copiose.

MICHELIN Alpin6 offre prestazioni ineguagliate in condizioni estreme, e dimostra la sua eccellenza quando il battistrada è vicino al limite legale di usura (2 mm di profondità di scultura). I test effettuati da TÜV SÜD(vedi note) hanno dimostrato che a questo livello di usura si ferma 5,9 metri prima sulla neve rispetto alla media dei concorrenti e offre migliore trazione in pendenza.

Le performance del pneumatico da usurato derivano dall’introduzione di una nuova scultura molto intagliata, che si evolve e rigenera con l’usura del pneumatico grazie a due innovazioni principali:

  • Lamelle a goccia d’acqua autobloccanti in 3D: permettono ai canali di apparire e allargarsi a mano a mano che il pneumatico si usura, aumentando l’evacuazione dell’acqua e della neve e migliorando il grip.
  • Battistrada bi-mescola: la mescola cambia con l’usura del pneumatico, conferendo morbidezza al battistrada e grip in inverno e con la neve, indipendentemente dalla profondità del battistrada.

Il pneumatico nuovo non ha un indicatore di usura invernale fissato a 4 mm, perché è performante fino al limite legale di usura, posto a 1,6 mm. Ha, però, un diverso indicatore di usura, che fornisce una percentuale facilmente leggibile del battistrada rimanente: 75%, 50% e 25%.

La nuova gamma MICHELIN Alpin6 è attualmente disponibile in 32 dimensioni, e sarà completata con ulteriori 26 misure nel maggio del 2019. Le sezioni vanno fino a 225 mm. Sezioni superiori sono disponibili nella gamma MICHELIN Pilot Alpin.

Note

1) Nuovo e usurato, il 205/55 R16 91H MICHELIN ALPIN6 si pone al di sopra della soglia europea R117 in termini di aderenza sul bagnato. Certificato 3PMSF da nuovo, è eccellente in trazione sulla neve da usurato. Test di accelerazione e trazione sulla neve effettuato da TÜV SÜD nel dicembre 2017. Usura eseguita su macchina con raspatura fino al limite consentito di usura del battistrada secondo la regolamentazione europea ECE R30r03f. In ogni caso, va rispettata la legislazione locale in termini di pneumatici invernali.

2) Test di frenata su neve effettuato dal servizio prodotto TÜV SÜD, su richiesta di Michelin, tra dicembre 2017 e gennaio 2018, per la dimensione 205/55 R16 91H sulla VW Golf 7, paragonando MICHELIN ALPIN6 ai concorrenti premium (BRIDGESTONE BLIZZAK LM001 Evo, CONTINENTAL WinterContact™ TS 860, DUNLOP Winter Sport 5, GOODYEAR Ultra Grip 9, Concours PIRELLI Cinturato Winter e NOKIAN WRD4). Test da usurato: come sopra.

3) Test di accelerazione/trazione su neve, effettuato dal servizio prodotto TÜV SÜD, su richiesta di Michelin, nel dicembre 2017, per la dimensione 205/55 R16 91H sulla VW Golf 7, paragonando MICHELIN ALPIN6 ai concorrenti premium (v. sopra). Test da usurato: come sopra.

4) Test di durata realizzato da DEKRA TEST CENTER, su richiesta di Michelin, nel dicembre 2017 e nel gennaio 2018, per la dimensione 205/55 R16 91H sulla VW Golf 7, paragonando MICHELIN ALPIN6 ai concorrenti premium (v. sopra). Test da usurato: come sopra.

UN BATTISTRADA CHE SI EVOLVE E SI RIGENERA.

Lamelle a goccia d’acqua autobloccanti

Con l’usura del pneumatico, la profondità del battistrada diminuisce e il profilo si evolve. Il battistrada Alpin6 si rigenera grazie al progressivo apparire di canali a forma di goccia d’acqua che si allargano a mano a mano che il pneumatico si usura.

I canali favoriscono l’evacuazione dell’acqua e della neve quando il pneumatico è usurato e migliorano l’aderenza grazie all’aumento degli intagli e del “contenitore di neve” a forma di goccia.

L’allargamento e l’apparizione dei canali rispondono alla necessità di mantenere il tasso di intaglio invariato per tutta la vita del MICHELIN Alpin6, fino all’indicatore di usura del battistrada.

Molti pneumatici invernali concorrenti vedono le lamelle scomparire con l’usura, con conseguente diminuzione del loro tasso d’intaglio (dal 18% al 29%). Questo riduce la capacità di evacuazione dell’acqua e della neve, e significa meno intagli, essenziali per l’aderenza. Questo nuovo modello “open tread”, molto intagliato, esercita anche una pressione locale più forte nell’area di contatto (peso sopportato da una minore superficie di contatto). L’impronta sulla neve ne risulterà maggiore, con conseguente miglior grip.

La rigidità longitudinale e laterale è essenziale per l’aderenza sull’asciutto e per la durata. Così, per MICHELIN Alpin6, il battistrada evolve grazie a canali che si rigenerano e si allargano (le lamelle a goccia d’acqua) e altri che spariscono. La lamella a goccia d’acqua è circondata da lamelle a metà spessore del battistrada, che spariscono a mano a mano che la goccia si apre. Questa concezione innovativa di battistrada, con lamelle a metà e in tutto lo spessore, offre un’aderenza ottimale sulla neve, sul bagnato e sull’asciutto per tutta la vita del pneumatico.

Battistrada bi-mescola

Inevitabilmente, con l’usura del pneumatico, la rigidità del battistrada aumenta, il che riduce l’aderenza sulla neve. Questo effetto è contrastato dal battistrada che si rigenera, ma con l'Alpin6 Michelin ha ulteriormente migliorato la performance del pneumatico usurato introducendo un battistrada multistrato.

A un certo livello di usura, la mescola del battistrada cambia, a favore di una mescola di elastomeri funzionali, concepiti specificamente per conferire morbidezza al battistrada e migliorare l’aderenza sulla neve. Questa combinazione di strati e questo battistrada evolutivo e che si rigenera offrono un’aderenza senza pari per tutta la vita del pneumatico fino al limite di usura, e una durata del pneumatico superiore del 20% rispetto alla media dei pneumatici concorrenti.


Percentuale di usura del battistrada

Grazie all’elevata aderenza di MICHELIN Alpin6 anche con ridotta profondità di scultura del battistrada, questo pneumatico, come tutti i futuri pneumatici invernali Michelin, non presenta il tradizionale indicatore invernale a 3 o 4 mm. Ma, per aiutare l’automobilista e permettergli di trarre il massimo dalla mescola ad alta tecnologia, il pneumatico ha un diverso indicatore di usura.

Questo permette di leggere con facilità la percentuale di residuo del battistrada. I 14 indicatori situati in 7 punti del pneumatico indicano chiaramente quando il battistrada residuo è al 75%, 50% e 25%. La misura finale (0%), che segna il momento in cui l’automobilista deve sostituire i pneumatici, è il tradizionale indicatore del limite di usura, fissato a 1,6 mm.


MICHELIN CrossClimate+, MICHELIN CrossClimate SUV

La gamma CrossClimate racchiude in un unico pneumatico il meglio delle tecnologie estive ed invernali, per offrire una sicurezza ottimale in qualsiasi condizione meteorologica, in ogni momento dell’anno, fino al limite legale di usura.

Lanciata nel 2015 con il pneumatico MICHELIN CrossClimate, si è evoluta ed è ora disponibile in due versioni:

  • MICHELIN CrossClimate+: per auto piccole, medie e compatte
  • MICHELIN CrossClimate SUV: per crossover e SUV

Questo elevato livello di prestazioni è possibile grazie all’azione congiunta di tre innovazioni principali:

  • Mescola del battistrada innovativa, capace di fornire elevato grip ad ogni temperatura
  • Design del battistrada a V per una migliore mobilità su neve, grazie all’effetto artiglio esercitato sulla neve fino a fine usura.
  • Lamelle ad alte prestazioni (3D ed auto-bloccanti) per fornire sicurezza e mobilità in ogni condizione meteo.

La gamma CrossClimate+ e CrossClimate SUV è disponibile in 80 dimensioni, cui si aggiungono le 26 del pneumatico Agilis CrossClimate, dedicato ai van e ai furgoni.


Ti potrebbe interessare anche

11-06-2016